Una festa diversa dalle altre

Tuo figlio è stanco delle solite feste di compleanno con gli amici? Non ne vuole più sapere dei format triti e ritriti delle ludoteche della tua città?

Oppure, tu e i tuoi amici, nonostante abbiate superato la tenera età già da un bel pezzo e siate pienamente negli “enta” (e qualcuno stia galoppando fieramente verso gli “anta”), siete degli incrollabili fan di Harry Potter, di quelli che si sono letti d’un fiato ogni libro, di quelli che non si sono fatti mancare nemmeno un film. E proprio per questo, vorreste organizzare una festa a tema Scuola di Hogwarts.

Poco importa: che sia per tuo figlio o per te e i tuoi amici, l’organizzazione dovrà essere impeccabile, dato che con la magia non si scherza.

L’ambiente e l’atmosfera

In primavera e in estate, la festa si potrà tenere in giardino, dove avrai un’ampia possibilità di giochi e di divertimento. Ma anche in pieno inverno, potrai sfruttare tutte le opportunità della casa (o dei locali della ludoteca, dato che alcune di queste offrono la possibilità di personalizzare l’arredamento o il tema del party, anche se con spese aggiuntive rispetto alla quota iniziale).

L’idea è quella di ricreare l’atmosfera della scuola che nel corso degli anni ha visto (letteralmente) crescere Harry Potter e i suoi amici. Niente di più facile, se si trovano per poco prezzo, dei gufi finti da posizionare qua e là e delle candele, appese con un filo al soffitto, per renderle fluttuanti.

Negli inviti che farai (rigorosamente, dopo aver anticato la carta immergendola per qualche istante in una tazza di the), oltre a riportare l’indirizzo della festa, indicando magari l’orario del treno che partirà dal binario 9 e ¾, ricorda a tutti che si tratta di una festa in maschera.

E non dimenticare di preparare un bel mantello blu scuro per il festeggiato.

Gli accessori indispensabili

Ad una festa che si tenga ad Hogwarts, non possono mancare gli accessori da maghetto.

Chi ha mai visto Sirius Black senza la sua bacchetta? Nessuno, vero? Quindi, tu e i tuoi invitati dovrete procurarvene una a testa: c’è la bacchetta di Sambuco, c’è quella di Scamander e quella di Bellatrix Lestrange; c’è la bacchetta di Hermione e quella di Lord Voldemort, ovviamente.

Se devi fare un regalo al festeggiato, potresti anche comprargli la felpa con cappuccio con lo stemma della famiglia (ci sono tutte e quattro). Oppure un set di penne a forma di bacchetta e il ciondolo di Harry Potter.

Non si tratta propriamente di accessori, ma le pietanze sono fondamentali per la riuscita di una festa.

Vi sono tre modi per rifocillare i tuoi ospiti. Il primo e più “babbano” di tutti è quello di servire le classiche patatine, i tradizionali panini e tramezzini e le banali bibite, apponendo semplicemente delle etichette davanti ai rispettivi piatti e bottiglie: nei bigliettini saranno riportati i nomi magici, come “lacrime di unicorno”, “sangue di drago spinato” o “ciocco rane”.

Il secondo modo è quello di acquistare i cibi “originali” presso gli Studios di Londra, nel caso ti trovassi a passare di lì (ma sul gusto, non garantisce nessuno, apparentemente nemmeno coloro che li vendono!).

L’ultima possibilità è quella sicuramente la più originale, anche se la più elaborata e quindi quella che ti impegnerà per più tempo: con un po’ di fantasia e qualche colorante naturale, potrai modificare l’aspetto (e probabilmente anche il sapore) di cioccolatini, succhi di frutta, the e così via. Non dimenticare il sorbetto al limone, il preferito di Silente e i panini al prosciutto per Ron Weasley. Per gli adulti, non dimenticare di mettere in frigo della burrobirra.

I giochi non babbani

Per i giochi che intratterranno grandi o piccini, dovrai preparare quattro stemmi, uno per ognuna delle 4 famiglie rese famose dalla saga potteriana.

L’importante è non confondere i colori, per evitare le ire di maghi e maghetti: i Grifondoro si porranno davanti allo stemma rosso e oro/giallo; i Serpeverde si raccoglieranno attorno al verde e argento/grigio; i Corvonero, attorno al blu e bronzo/marrone; i Tassorosso, infine, presso il giallo e nero.

Una volta che tutti i partecipanti avranno preso posto nelle rispettive squadre, si potrà dare il via al divertimento.

Organizza una caccia al tesoro veramente originale, in cui l’oggetto da ritrovare sia proprio la Pietra Filosofale. Dai il via al Torneo Tremaghi, dove i partecipanti si alterneranno in prove a punti, come la corsa nei sacchi, il tiro alla fune, un quiz con domande sul mondo di Harry Potter e un labirinto alla fine del quale vi saranno delle parole crociate da risolvere. Ovviamente, tutto dipenderà dallo spazio a disposizione.

Se la festa si svolgerà all’esterno, non potrà mancare nel modo più assoluto almeno una partita di Quidditch babbano!